Includi: tutti i seguenti filtri
× Soggetto "Rifiuti tossici"

Trovati 8 documenti.

Vangelo dalla Terra dei fuochi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Patriciello, Maurizio

Vangelo dalla Terra dei fuochi / Padre Maurizio Patriciello

Reggio Emilia : Imprimatur, 2013

Abstract: Il prete che lotta quotidianamente contro la camorra racconta la sua esperienza nella terra dei Casalesi. "Ma io dei camorristi non ho paura. Lo so, potrebbero uccidermi e forse lo faranno, lo l'ho messo in conto fin dal primo momento in cui sono stato ordinato prete. lo spendo i miei giorni insegnando ai bambini, ai ragazzi, ai giovani che non debbono temere niente e nessuno quando la loro coscienza è pulita. Ma aggiungo che bisogna sradicare il fare camorristico sin dai più piccoli comportamenti".

Roberto Mancini nella terra dei fuochi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Amicis, Igor <1976-> - Luciani, Paola <1980->

Roberto Mancini nella terra dei fuochi / Igor De Amicis e Paola Luciani

Einaudi ragazzi, 2018

Abstract: Jacopo, Gennaro e Luigino sono tre amici con una grande voglia di avventura, che non esitano a gettarsi a capofitto nell'esplorazione della vecchia cava alla ricerca di un leggendario mostro. Ma i tre ragazzi non troveranno nessun drago sputafuoco, o gigante crudele, bensì migliaia di fusti di metallo blu, da cui fuoriesce un liquido velenoso. Cosa succede nella loro terra? Chi sono quegli uomini che scaricano camion e camion di rifiuti? I ragazzi hanno molte domande a cui nessuno vuole dare una risposta, nessuno tranne Roberto Mancini. Un poliziotto dallo sguardo severo e deciso, un uomo tenace che è disposto a mettere in gioco tutto se stesso per scoprire la verità.

Veleno
0 0 0
Videoregistrazioni: DVD

Veleno / un film di Diego Olivares ; Massimiliano Gallo ... [et al.]

Minerva Pictures, [2018]

Abstract: Siamo nella Terra dei fuochi, nella periferia del casertano: due contadini, Cosimo e Rosaria, lottano quotidianamente per tenere il loro allevamento di bestiame e la loro terra lontano dall'avvelenamento dei rifiuti tossici disseminati in quelle terre. Comproprietari della piccola impresa Ezio, fratello di Cosimo e sua moglie Adele, genitori di tre bambini piccoli. Quando Rosaria scopre finalmente di aspettare un figlio da Cosimo, la lotta per la difesa della proprietà di famiglia diventa un dovere. Intanto, le pressioni dei responsabili dello "smaltimento rifiuti" diventano sempre più insistenti, quando per ottenere l'appezzamento che confina con le discariche abusive che ne permette l'ampliamento, viene tirato in causa Rino Caradonna, un meschino avvocato, che a sua volta aspira a diventare sindaco del paese. Mentre Ezio e Adele sembrano inclini a cedere a quelle pressioni, la battaglia di Cosimo e Rosaria continua fino a quando Cosimo scopre di avere un tumore in fase terminale, ed impaurito per il futuro di sua moglia e della nascitura, decide di vendere tutto. Sarà Rosaria a prendere in mano la situazione e a non lasciarsi intimorire dalle minacce.

Non aspettiamo l'apocalisse
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Patriciello, Maurizio

Non aspettiamo l'apocalisse : la mia battaglia nella terra dei fuochi / padre Maurizio Patriciello ; con Marco Demarco ; fotografie di Mauro Pagnano

[Milano] : Rizzoli, 2014

Abstract: Tutto questo succede nella Terra dei fuochi, che è la mia terra. Al tempo dei papiri e delle tavolette cerate era la Campania felix, in quello di Twitter e Facebook è la pattumiera d'Italia. Una discarica dove ogni anno vengono avvistati seimila roghi di rifiuti, che inceneriscono scorie industriali, sprigionano veleni, ammorbano l'aria e uccidono la vita nei campi. A scrivere queste parole è Padre Maurizio Patriciello, non un politico ma un semplice sacerdote divenuto nel giro di pochi mesi il leader del movimento civile che chiede con urgenza la bonifica della Terra dei fuochi. E che, oltre ad aver conquistato l'attenzione mediatica e delle istituzioni, qualcosa di concreto sta anche finalmente ottenendo, come dimostra il decreto del governo Letta del dicembre 2013. Tutto ha inizio nella notte dell'8 giugno 2012, quando Padre Maurizio si sveglia assalito da una puzza insopportabile a cui è impossibile sfuggire. Per lui è come una chiamata del Signore: accende il computer e su Facebook comincia a raccogliere la protesta della gente che, impotente, si è vista man mano avvelenare la propria campagna. Non che prima di quella notte non se ne sapesse nulla - c'erano state inequivocabili denunce come Gomorra di Saviano nel 2006 e Biùtiful cauntri nel 2007, film pluripremiato e presto dimenticato -, ma l'immane devastazione dell'Agro aversano, lo scampolo di terra dove in due decenni sono stati scaricati dieci milioni di tonnellate di rifiuti.

Il veleno di Circe
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Baldini, Cinzia <1960-> - Zefferino, Michele

Il veleno di Circe / Cinzia Baldini, Michele Zefferino

[Lodi] : linee infinite, [2010]

Bandiera nera
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Palladino, Andrea

Bandiera nera : le navi dei veleni / Andrea Palladino ; prefazione di Massimo Carlotto

Roma : Manifestolibri, [2010]

Abstract: Una nave avvelenata che riappare sul fondo del Mediterraneo, come un fantasma che riprende corpo. Mappe, coordinate, rotte invisibili, registri navali ritoccati, per nascondere il peggiore traffico del nostro paese. E altre navi, la Zanoobia, la Karin B, la Jolly Rosso usate per riportare in Italia veleni gettati in Africa e in America Latina. Una lista di 140 grandi marche, il gotha della chimica e dell'industria farmaceutica, pronte ad usare broker senza scrupoli per disfarsi delle scorie tossiche e radioattive. Dietro la storia della Cunski, il relitto trovato e poi di nuovo sparito al largo di Cetraro, sulla costa della Calabria, si cela un network di mediatori con complicità ai più alti livelli, che per almeno un decennio ha garantito al sistema industriale europeo uno smaltimento economico - e criminale - dei rifiuti tossici. A distanza di anni il carico delle navi dei veleni inizia a riaffiorare. E le città delle coste calabresi contano - in silenzio - i morti per tumore, avvelenati dal Cesio 137, dai metalli pesanti e da tutte quelle scorie che 'ndrangheta, faccendieri e pezzi dello stato hanno nascosto per anni.

Pane e amianto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Armenise, Giuseppe

Pane e amianto : girotondo di una città sopra un milione di vite / Giuseppe Armenise

Alberobello : Poiesis, 2013

Abstract: Il mito dell'amianto, minerale che tutto preserva per le sue caratteristiche indistruttibili, ha pervaso per oltre cinquant'anni il sogno industrialista dell'Italia che risorgeva dalle ceneri della seconda guerra mondiale. Dieci anni dopo la fine dell'era mitica dell'amianto, nel 1995 uno studente in procinto di laurearsi in geologia scopre che la Fibronit, la vecchia fabbrica di Bari abbandonata in mezzo alle case colpevolmente costruite tutt'intorno, è un'immensa discarica di rifiuti cancerogeni. Dalla denuncia nasce un lungo percorso di riscatto civile, ma soprattutto di ricerca personale. In tredici anni di storia, viaggiando tra Bari, Matera, Broni, Casale Monferrato, Torino, Lecco, Bergamo e Milano, si intrecciano le vicende professionali e umane di un gruppo di persone: Giuliano il giornalista, Nello il biondo, Pigi il baffo, Tore lo smilzo, Saverio il sornione, Roberto l'assessore e il protagonista, voce narrante. Esse vengono così chiamate quasi inconsapevolmente a stringere una catena di amicizia e di solidarietà volta a fare i conti con una città lontana, ostile e rassegnata.

Brutta storia a Tirana
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Invernizzi, Adalberto

Brutta storia a Tirana / Adalberto Invernizzi

Nardò (Le) : Besa, 2015