E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce (qui sotto) o la relativa ricerca avanzata.

Includi: tutti i seguenti filtri
× Paese Francia
× Soggetto Francia
× Data 1990
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Soggetto Ottocento

Trovati 3 documenti.

Mostra parametri
Lettres persanes
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Montesquieu, Charles Louis de <1689-1755>

Lettres persanes / Montesquieu ; edition etablie et presentee par Jean Starobinski

[Reimpr.]

[Paris] : Gallimard, c1973 (impr. 1990)

Abstract: Uscite in forma anonima ad Amsterdam nel 1721, le Lettere persiane raccolgono l'immaginaria corrispondenza di due persiani, Usbek e Rica, giunti in Francia alla fine del regno del Re Sole: un espediente mediante cui Montesquieu, con stile quanto mai brillante, colpisce la vacuità del mondo parigino delle mode e dei salotti, smascherando le ipocrisie e i pregiudizi della società e toccando argomenti a lui assai cari, quali l'opposizione al dispotismo e ai privilegi di nascita, la riflessione sullo spinto delle leggi, la lotta contro le superstizioni in nome di un approccio al reale logico, razionale, scientifico. Primo grande libro dell'Illuminismo, le Lettere persiane sfuggono a qualunque tentativo di classificazione: romanzo epistolare, pamphlet satirico, diario di viaggio, racconto libertino, trattato filosofico. Il testo, pervaso da un contagioso senso di meraviglia, si snoda infatti tra profumi esotici e satire allusive, scorci d'ambiente e digressioni storiche; una polifonia di generi e registri quanto mai piacevole, leggera, viva, tanto che il poeta Paul Valéry ebbe a dire, di questo libro perfetto, che nulla fu mai scritto di più elegante. Con uno scritto di Paul Valéry.

Le livre blanc de l'AEMO du Secteur associatif
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Action educative en milieu ouvert

Le livre blanc de l'AEMO du Secteur associatif / directeur de la publication Joel Henry ; responsable de l'enquete, traitement, cartographie, graphiques, analyse, maquette Cherles Tillier ; commission recherches Jean-Claude Guiraud ... [et al.] ; documentation Alain Bellet

Caen : Carrefour national AEMO, 1990

La princesse de Cleves et autres romans
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La Fayette, Marie Madeleine Pioche de la Vergne, comtesse de - La Fayette, Marie Madeleine Pioche de la Vergne, comtesse de

La princesse de Cleves et autres romans / Madame de La Fayette ; preface et notices de Bernard Pingaud

[Reimpr.]

[Paris] : Gallimard, c1972 (impr. 1990)

Abstract: Un giorno, alla corte di Enrico II e Caterina de' Medici, fa la sua apparizione una giovane donna di stupefacente bellezza. La sua grazia abbaglia tutti i cortigiani, ma la misteriosa adolescente sembra del tutto impermeabile alle lusinghe della galanteria e della mondanità; la madre, infatti, le ha ispirato sentimenti virtuosi e l'ha messa in guardia contro le insidie amorose. Il principe di Clèves, tuttavia, riesce a conquistare la sua stima e a sposarla. L'amore-passione è ancora, per l'eroina di questo romanzo - che è a giusto titolo considerato il primo, sorprendente esempio di romanzo psicologico moderno - un territorio sconosciuto. Il destino le farà incontrare, intempestivamente, un uomo giovane e bello, fra i più desiderati della corte: il duca di Nemours. I due si innamorano a prima vista durante un ballo memorabile che è fra le pagine più note della letteratura francese, ma il duca preferisce non manifestare subito i segni della propria passione; e la principessa, dal canto suo, si oppone con tutte le forze a un sentimento che la turba per la sua natura indecifrabile e la violenza che lo caratterizza. La ferma volontà di restare fedele a un marito premuroso e buono, che nutre per lei un amore profondo, le impedisce peraltro di contemplare la possibilità di una relazione adulterina. Inizia così un romanzo di formazione singolare, che sovverte radicalmente il copione galante e anticipa temi e atmosfere della grande stagione del romanzo settecentesco. Introduzione di Isabella Mattazzi.