E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce (qui sotto) o la relativa ricerca avanzata.

Includi: tutti i seguenti filtri
× Nomi Shakespeare, William <1564-1616>
× Nomi Lombardo, Agostino <1927-2005>
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Data 1993

Trovati 7 documenti.

Mostra parametri
La bisbetica domata
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Shakespeare, William <1564-1616>

La bisbetica domata / William Shakespeare ; cura e traduzione di di Guido Bulla ; nota biografica, bibliografia essenziale e cronologia delle opere di agostino Lombardo

2. ed

Newton Compton, 2010

Abstract: Commedia dalla datazione problematica (1593, 1590-91 o 1588?), La bisbetica domata è una festa di trame incrociate, scambi d'identità, manipolazioni linguistiche. In una Padova reinventata, viene descritta la vigorosa conquista dell'indomita Caterina da parte del caparbio veronese Petruccio. Non tutti sanno però che il testo shakespeariano è contenuto in una cornice che rende i due protagonisti personaggi di una rappresentazione teatrale cui altri personaggi assistono in scena. Una commedia nella commedia, quindi. Una sorta di distanziamento che ridimensiona un finale tutto giocato sul trionfo della fallocrazia: una brutale asserzione della superiorità maschile o un fine gioco teatrale che decostruisce tale assunto dall'interno? Il dibattito è aperto.

Macbeth
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Shakespeare, William <1564-1616>

Macbeth / William Shakespeare ; cura e traduzione di Guido Bulla ; nota biografica, bibliografia essenziale e cronologia delle opere di Agostino Lombardo

2. ed

Roma : Newton Compton, 2010

Abstract: Mette in scena la tragedia dell'ambizione e del potere, questo capolavoro shakespeariano, tra gli esiti più alti della letteratura drammatica di tutti i tempi; una torbida e violenta ambizione che trasforma Macbeth, uomo di doti eccezionali, in un autentico criminale. Ma anche tragedia della consapevolezza di forze oscure e incontrollabili, da cui ci lasciamo dominare (incarnate nelle tre streghe) e di valori imprescindibili, che non si possono impunemente infrangere, pena la pazzia, il baratro in cui Macbeth scivola distruggendo con le sue mani ogni possibile appiglio che gli consentirebbe di aprire gli occhi, di uscire dal delirio. Insieme con lui si perde la sua complice, la moglie, quella Lady Macbeth che è una delle più tragiche e intense figure femminili di tutti i tempi. Rappresentata probabilmente nel 1606, il Macbeth è opera di grandi passioni, grandi caratteri, grandi inquietudini e di perenne attualità.

Macbeth
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Shakespeare, William <1564-1616>

Macbeth / William Shakespeare ; traduzione e cura di Agostino Lombardo

5. ed

Milano : Feltrinelli, 2003

Abstract: Macbeth torna vittorioso dal campo di battaglia e tre streghe gli profetizzano un glorioso destino, ivi compresa la Corona di Scozia. La sete di potere, condivisa e stimolata anche dalla moglie Lady Macbeth, lo spinge al delitto e infine all'amaro disinganno, per cui l'esistenza non è che 'una favola raccontata da un idiota, piena di rumore e furore, che non significa nulla'.

Coriolano
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Shakespeare, William <1564-1616>

Coriolano / William Shakespeare ; traduzione e cura di Agostino Lombardo

Milano : Feltrinelli, 2002

Abstract: Il romano Caio Marzio, detto Coriolano perché eroe della battaglia di Corioli, è personaggio chiuso nel proprio orgoglio ed egocentrismo, cieco al mondo e incapace di comunicare con gli altri: una volta bandito dal suo popolo aizzatogli contro dagli avversari, si rifugia dai nemici volsci guidati da Tullo Aufidio, si mette alla loro testa contro Roma per trovare la morte per mano dei cospiratori volsci.

Romeo e Giulietta
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Shakespeare, William <1564-1616>

Romeo e Giulietta / William Shakespeare ; traduzione e cura di Agostino Lombardo

4. ed

Milano : Feltrinelli, 1998

Abstract: Romeo e Giulietta (1594-1595) è la tragedia dell'amore giovane in contrapposizione all'amore maturo di Antonio e Cleopatra: è la storia d'amore per eccellenza e lo è diventata proprio perchè è molto di più. Odio, amore, nelle sue più diverse espressioni, la vita in famiglia, la vita sociale... L'intenzione stessa di Shakespeare non era quella di scrivere un dramma sentimentale ma una grande e ricca tragedia di passioni umane, qualunque esse siano. E' sì una celebrazione del sentimento più romantico e più antico del mondo ma con una consistenza assolutamente naturalistica e per questo attuale.

Amleto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Shakespeare, William <1564-1616>

Amleto / William Shakespeare ; traduzione e cura di Agostino Lombardo

Milano : Feltrinelli, 1995

Abstract: La vicenda che Shakespeare doveva mettere in scena era, senza mezzi termini, il rapporto di una mente umana con la vita, e il suo problema, allora, era quello di far muovere Amleto, con la sua prodigiosa consapevolezza (Henry James), su un terreno adeguato al personaggio e alla sua ricerca. Poiché tutta la vita doveva essere messa in discussione, sottoposta all'analisi, al dubbio di un Amleto che è l'unico moderno, Shakespeare crea una struttura supremamente elastica e comprensiva, capace di abbracciare pianto e riso, ragione e follia, amore e odio; di passare da un universo domestico a un paesaggio sconfinato, da un salone di corte a un campo militare, da una fortezza a un cimitero. Se bene guardiamo l'Amleto, vediamo come ogni esperienza umana vi venga rappresentata. Tutta la vita; e più ancora: la vita vista come immagine di se medesima, come teatro.

Antonio e Cleopatra
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Shakespeare, William <1564-1616>

Antonio e Cleopatra / William Shakespeare ; traduzione e cura di Agostino Lombardo

Milano : Feltrinelli, 1992

Abstract: Antonio vive ad Alessandria schiavo della bellezza di Cleopatra. Costretto a ritornare a Roma per ragioni politiche, pone fine alla discordia con Cesare Ottaviano sposandone la sorella, ma la pace dura poco, perché la gelosia di Cleopatra, ed il ricordo della sua sensualità, lo richiamano in Egitto.