E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce (qui sotto) o la relativa ricerca avanzata.

Includi: tutti i seguenti filtri
× Nomi Shakespeare, William <1564-1616>
× Nomi Serpieri, Alessandro <1935-2017>
× Data 2007
× Soggetto Calimani, Dario. William Shakespeare
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Editore Mondadori <casa editrice>

Trovati 1 documenti.

Mostra parametri
Sonetti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Shakespeare, William <1564-1616>

Sonetti / William Shakespeare ; a cura di Alessandro Serpieri

9. ed

Milano : Biblioteca universale Rizzoli, 2007

Abstract: I Sonetti è il più misterioso tra i libri di Shakespeare. Sulla loro storia esterna sappiamo poco. E' probabile che venissero scritti tra il 1593 e il 1595, per il conte di Southampton, sebbene alcuni sonetti (che risentono l'influenza di Donne) sembrino più tardi. Una cosa è più certa: i Sonetti sono un grande libro filosofico, forse il libro di Shakespeare dove il complicatissimo intreccio delle metafore viene più drammaticamente teso da una straordinaria forza intellettuale. Senza proporselo, Shakespeare riuscì a fondere le due tendenze opposte della cultura dell'Occidente. Da un lato l'amico che egli canta è un archetipo platonico, incarnato in un essere umano, nel quale si riflettono tutti i tratti della bellezza e dell'amore di ogni tempo. Ma, dall'altro, questo archetipo si trasforma all'infinito; la forma immobile subisce un'incessante metamorfosi ovidiana, una moltiplicazione nella mobilità fluttuante della natura. Così i Sonetti sono insieme il poema dell'eterno e dei disastri, della rovina (ma che trionfali disastri, che sontuosa rovina!) del tempo. Un altro grande tema è la disperata schiavitù, l'atroce carcere della passione amorosa.La traduzione fedelissima di A. Serpieri è accompagnata da un commento che rappresenta uno dei culmini dell'arte moderna dell'interpretazione. Ogni parola, ogni immagine, ogni concetto sono interpreti nel loro concreto aspetto linguistico, e insieme visti come forme di quell' unico poema, di cui parlava Coleridge; di un solo, immenso tappeto metaforico, al quale attraverso Shakespeare ha collaborato tutto l'universo.Edizione con testo a fronte.