Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Francia
Includi: tutti i seguenti filtri
× Nomi D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

Trovati 41 documenti.

Mostra parametri
L'innocente
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

L'innocente / Gabriele D'Annunzio ; a cura di Maria Rosa Giacon

Mondadori libri, 2020

Abstract: Andare davanti al giudice, dirgli: 'Ho commesso un delitto. Quella povera creatura non sarebbe morta se io non l'avessi uccisa. Io Tullio Hermil, io stesso l'ho uccisa. Ho premeditato l'assassinio, nella mia casa. L'ho compiuto con una perfetta lucidità di conscienza, esattamente, nella massima sicurezza. Poi ho seguitato a vivere col mio segreto nella mia casa, un anno intero, fino ad oggi. Oggi è l'anniversario. Eccomi nelle vostre mani. Ascoltatemi. Giudicatemi'. Posso andare davanti al giudice, posso parlargli così? Non posso né voglio. La giustizia degli uomini non mi tocca. Nessun tribunale della terra saprebbe giudicarmi. Eppure bisogna che io mi accusi, che io mi confessi. Bisogna che io riveli il mio segreto a qualcuno. A chi?. Accusato di immoralità, e considerato dalla critica come il vero capolavoro di D'Annunzio, L'Innocente ebbe alla sua uscita nel 1892 un grande successo in Francia prima ed in tutta Europa poi, prima ancora che in Italia. Influenzato dalla grande letteratura russa, il romanzo è di fondamentale importanza per la comprensione di un autore che ha influenzato fortemente la letteratura e la vita politica e sociale dei primi decenni del 20° secolo.

Il piacere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

Il piacere / Gabriele D'Annunzio

Milano : Mondadori, 2016

Abstract: Pubblicato con grande successo nel 1889, "Il Piacere" è il primo romanzo di Gabriele d'Annunzio. Le esperienze biografiche del giovane scrittore nella Roma elegante e mondana di fine secolo confluiscono qui nel personaggio di Andrea Sperelli, giovane artista e raffinato esteta. I suoi complicati amori e il suo tentativo di "fare la propria vita come si fa un'opera d'arte" si vengono però a scontrare con un mondo che, malato di edonismo, sta morendo soffocato "nel grigio diluvio democratico odierno" che alla bellezza sostituisce il profitto. L'amara e sterile ricerca del piacere del protagonista è dunque emblematica di una crisi di valori di ben più vasta portata, quella dell'intera società aristocratica ottocentesca.

Il piacere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

Il piacere / Gabriele D'Annunzio ; postfazione di Simona Micali

Milano : Feltrinelli, 2015

Abstract: "Il Piacere" è il primo dei tre Romanzi della Rosa di D'Annunzio, pubblicato nel 1889. La "rosa" allude alla voluttà, tema comune ed esplicito di tutti e tre i romanzi. Al centro del libro la figura di Andrea Sperelli: un conte, elegantissimo, circondato dal lusso, alto di statura, poeta e acquafortista di soave sensibilità. Abbandonato nel colmo della passione dall'amante. Elena Muti, egli cerca di dimenticarla svolazzando di fiore in fiore. Diventa così l'amante di una donna dall'inclinazione decisamente spirituale, Maria Ferres. Ma le due donne in realtà si somigliano, se non altro fisicamente. Il conte arriva a sfogare su Maria la libidine che ancora gli desta il ricordo della prima amante, fino al momento in cui non gli sfuggirà uno scambio di nome che renderà evidente il vero oggetto della sua passione. Il romanzo più riuscito e giustamente più famoso di D'Annunzio, accompagnato da un rigoroso apparato critico. Postfazione di Simona Micali.

Le vergini delle rocce
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938> - D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

Le vergini delle rocce / Gabriele d'Annunzio ; introduzione di Pietro Gibellini ; note di Nicola Di Nino

2. ed

BUR, 2015

Abstract: Certo, ci sentiamo molto lontani dal culto del 'dominatore', e il sogno di restaurare la gloria di Roma mediante i propri lombi, incerti nella scelta di tre improbabili principesse di razza stanca, ma in trepida attesa, urta il nostro intelletto etico. Ma che del suo stile D'Annunzio fosse, sì, dominatore assoluto, questo è arduo negarlo. E mentre cade il sogno folle del Re di Roma, resta, superbo, il Signore dell'Officina, che ha vergato con mano febbrile l'affascinante manoscritto delle Vergini delle rocce. (Pietro Gibellini)

Il piacere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

Il piacere / Gabriele D'Annunzio

OscarMondadori, 2014

Abstract: Pubblicato con grande successo nel 1889, Il Piacere è il primo romanzo di Gabriele d'Annunzio. Le esperienze biografiche del giovane scrittore nella Roma elegante e mondana di fine secolo confluiscono qui nel personaggio di Andrea Sperelli, giovane artista e raffinato esteta. I suoi complicati amori e il suo tentativo di fare la propria vita come si fa un'opera d'arte si vengono però a scontrare con un mondo che, malato di edonismo, sta morendo soffocato nel grigio diluvio democratico odierno che alla bellezza sostituisce il profitto. L'amara e sterile ricerca del piacere del protagonista è dunque emblematica di una crisi di valori di ben più vasta portata, quella dell'intera società aristocratica ottocentesca.

Il piacere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

Il piacere / Gabriele D'Annunzio ; introduzione di Giovanni Ragone

3. ed

Einaudi, 2014

Abstract: Pubblicato con grande successo nel 1889, Il Piacere è il primo romanzo di Gabriele d'Annunzio. Le esperienze biografiche del giovane scrittore nella Roma elegante e mondana di fine secolo confluiscono qui nel personaggio di Andrea Sperelli, giovane artista e raffinato esteta. I suoi complicati amori e il suo tentativo di fare la propria vita come si fa un'opera d'arte si vengono però a scontrare con un mondo che, malato di edonismo, sta morendo soffocato nel grigio diluvio democratico odierno che alla bellezza sostituisce il profitto. L'amara e sterile ricerca del piacere del protagonista è dunque emblematica di una crisi di valori di ben più vasta portata, quella dell'intera società aristocratica ottocentesca.

L'innocente
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

L'innocente / Gabriele D'Annunzio

Firenze ; Milano : Giunti, 2014

Abstract: Pubblicato nel 1892 e subito oggetto di accuse di immoralità, L'innocente narra la storia di Tullio Hermil, ricco proprietario terriero, colto e raffinato ma perennemente inquieto e dominato da un'irrefrenabile sensualità. Sposato con la dolce e remissiva Giuliana, Tullio non può fare a meno di esserle infedele, spingendo infine la moglie tra le braccia di un altro uomo. Un episodio che avrà conseguenze fatali sul loro destino...

L'innocente
0 0 0
Disco (CD)

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

L'innocente : audiolibro / D'Annunzio ; lettura interpretata da Claudio Carini

Ed. integrale

[Perugia] : Recitar Leggendo audiolibri, 2013

Abstract: Andare davanti al giudice, dirgli: 'Ho commesso un delitto. Quella povera creatura non sarebbe morta se io non l'avessi uccisa. Io Tullio Hermil, io stesso l'ho uccisa. Ho premeditato l'assassinio, nella mia casa. L'ho compiuto con una perfetta lucidità di conscienza, esattamente, nella massima sicurezza. Poi ho seguitato a vivere col mio segreto nella mia casa, un anno intero, fino ad oggi. Oggi è l'anniversario. Eccomi nelle vostre mani. Ascoltatemi. Giudicatemi'. Posso andare davanti al giudice, posso parlargli così? Non posso né voglio. La giustizia degli uomini non mi tocca. Nessun tribunale della terra saprebbe giudicarmi. Eppure bisogna che io mi accusi, che io mi confessi. Bisogna che io riveli il mio segreto a qualcuno. A chi?. Accusato di immoralità, e considerato dalla critica come il vero capolavoro di D'Annunzio, L'Innocente ebbe alla sua uscita nel 1892 un grande successo in Francia prima ed in tutta Europa poi, prima ancora che in Italia. Influenzato dalla grande letteratura russa, il romanzo è di fondamentale importanza per la comprensione di un autore che ha influenzato fortemente la letteratura e la vita politica e sociale dei primi decenni del 20° secolo.

L' innocente
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

L' innocente / Gabriele D'Annunzio ; prefazione di Pietro Gibellini ; introduzione e note di Maria Rosa Giacon

Milano : BUR, 2012

I grandi romanzi

Abstract: "'L'Innocente' fotografa la crisi di una società, che, eticamente sguarnita, si avviava confusamente verso la belle epoque e il successivo disastro dell'inutile strage. E quel tanto di rimorso o di smarrimento che sopravvive in Tullio-Gabriele, e che sparirà nel futuro Vate e Comandante, ci rende 'L'Innocente' più avvincente e meno lontano." (dalla prefazuione di Pietro Gibellini)

Favole mondane
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

Favole mondane / Gabriele D'annunzio

Studio 12, 2009

Le novelle della Pescara
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

Le novelle della Pescara / Gabriele D'Annunzio ; illustrate da A. Ferraguti e G. Amato

Milano : Opportunity Book, 1995

Il piacere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

Il piacere / Gabriele D'Annunzio ; a cura di Maria Biano ; introduzione di Giorgio Bàrberi Squarotti

Milano : Mursia, 1995

Abstract: Pubblicato nel 1889, questo romanzo affonda le proprie radici nella società decadente di fine secolo. Ambientato a Roma, narra gli amori e le avventure mondane del giovane Andrea Sperelli. Poeta, pittore, ma soprattutto raffinato artefice di piacere, Andrea è però tormentato dal ricordo di una relazione complicata, troncata bruscamente, che non riesce a dimenticare.

Favole mondane
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

Favole mondane / Gabriele d'Annunzio ; introduzione e note di Federico Roncoroni

Milano : Garzanti, 1981

3: L' armata d'Italia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938> - D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

3: L' armata d'Italia ; La vita di Cola di Rienzo ; Contemplazione della morte ; L'allegoria dell'autunno ; Le did du sourd et muet ; Teneo te Africa ; Solus ad solam / Gabrilele d'Annunzio

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 2
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
1: Il piacere
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938> - D'Annunzio, Gabriele <1863-1938> - D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

1: Il piacere ; L'innocente ; Trionfo della Morte / Gabriele D'Annunzio

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Andare davanti al giudice, dirgli: 'Ho commesso un delitto. Quella povera creatura non sarebbe morta se io non l'avessi uccisa. Io Tullio Hermil, io stesso l'ho uccisa. Ho premeditato l'assassinio, nella mia casa. L'ho compiuto con una perfetta lucidità di conscienza, esattamente, nella massima sicurezza. Poi ho seguitato a vivere col mio segreto nella mia casa, un anno intero, fino ad oggi. Oggi è l'anniversario. Eccomi nelle vostre mani. Ascoltatemi. Giudicatemi'. Posso andare davanti al giudice, posso parlargli così? Non posso né voglio. La giustizia degli uomini non mi tocca. Nessun tribunale della terra saprebbe giudicarmi. Eppure bisogna che io mi accusi, che io mi confessi. Bisogna che io riveli il mio segreto a qualcuno. A chi?. Accusato di immoralità, e considerato dalla critica come il vero capolavoro di D'Annunzio, L'Innocente ebbe alla sua uscita nel 1892 un grande successo in Francia prima ed in tutta Europa poi, prima ancora che in Italia. Influenzato dalla grande letteratura russa, il romanzo è di fondamentale importanza per la comprensione di un autore che ha influenzato fortemente la letteratura e la vita politica e sociale dei primi decenni del 20° secolo.

2: Terra vergine
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938> - D'Annunzio, Gabriele <1863-1938> - D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

2: Terra vergine ; Le novelle della Pescara ; Giovanni Episcopo ; Le vergoni delle rocce ; Il fuoco ; Forse che si forse che no ; La Leda senza cigno / Gabriele D'Annunzio

8. ed.

1968

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 2
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Il romanzo breve Giovanni Episcopo è la confessione di un delitto compiuto dal protagonista, un travet piccolo borghese, condannato fatalmente a condizione di umiliato e offeso. Sul modello narrativo in parte dostoevskijano e in parte derivatogli dal romanzo psicologico francese e da Poe, D'Annunzio costruisce il suo monologo-confessione nell'ottica soggettiva di una percettività malata. La rappresentazione di un'umanità dissociata, in bilico continuo fra impulsi distruttivi e il miraggio di una possibile salvezza, il romanzo fonde il gusto tardo-positivistico per l'indagine di un caso patologico con quello di una scrittura romanzesca attenta alle più minute reazioni psicologiche.

2: Il venturiero senza ventura
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938> - D'Annunzio, Gabriele <1863-1938> - D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

2: Il venturiero senza ventura ; Il secondo amante di Lucrezia Buti ; Il compagno dagli occhi senza cigli ; Cento e cento e cento e cento pagine del libro segreto di Gabriele D'Annunzio tentato di morire / Gabriele D'Annunzio

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Il secondo amante di Lucrezia Buti, elaborato in un intenso trimestre di scrittura tra maggio e luglio del 1924, è l'unico testo autobiografico - in senso proprio - di Gabriele d'Annunzio adolescente: ambientato a Prato, infatti, nel quadriennio in cui il giovane Gabriele compie i suoi studi superiori al liceo Cicognini (1876-1880), il testo narra della vita quotidiana del convittore e delle sue prodezze di studente poco avvezzo all'ordine ed alla disciplina. Il racconto si snoda tra insubordinazioni ai professori e al personale scolastico, gare retoriche e oratorie, incursioni notturne nei laboratori della scuola e scorribande nelle vie cittadine, a caccia di giovani fanciulle per sperimentare i piaceri di una intraprendente sessualità, alternando riflessioni sulla propria arte di scrittore e di ineguagliabile artefice della parola. L'adolescenza del poeta si rivela così una sorta di paradigma indiziario di una precoce eccezionalità d'uomo e di artista, come la storia biografica e letteraria di Gabriele D'Annunzio ha poi dimostrato.

1: I romanzi della rosa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938> - D'Annunzio, Gabriele <1863-1938> - D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

1: I romanzi della rosa / Gabriele D'Annunzio

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Andare davanti al giudice, dirgli: 'Ho commesso un delitto. Quella povera creatura non sarebbe morta se io non l'avessi uccisa. Io Tullio Hermil, io stesso l'ho uccisa. Ho premeditato l'assassinio, nella mia casa. L'ho compiuto con una perfetta lucidità di conscienza, esattamente, nella massima sicurezza. Poi ho seguitato a vivere col mio segreto nella mia casa, un anno intero, fino ad oggi. Oggi è l'anniversario. Eccomi nelle vostre mani. Ascoltatemi. Giudicatemi'. Posso andare davanti al giudice, posso parlargli così? Non posso né voglio. La giustizia degli uomini non mi tocca. Nessun tribunale della terra saprebbe giudicarmi. Eppure bisogna che io mi accusi, che io mi confessi. Bisogna che io riveli il mio segreto a qualcuno. A chi?. Accusato di immoralità, e considerato dalla critica come il vero capolavoro di D'Annunzio, L'Innocente ebbe alla sua uscita nel 1892 un grande successo in Francia prima ed in tutta Europa poi, prima ancora che in Italia. Influenzato dalla grande letteratura russa, il romanzo è di fondamentale importanza per la comprensione di un autore che ha influenzato fortemente la letteratura e la vita politica e sociale dei primi decenni del 20° secolo.

Teneo te Africa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938> - D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

Teneo te Africa : la seconda gesta d'oltremare / Gabriele D'Annunzio

[Milano] : Istituto Nazionale per la edizione di tutte le opere di Gabriele D'Annunzio, stampa 1936

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 2
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Le dit du sourd et muet qui fut miracule en l'an de grace 1266
0 0 0
Materiale linguistico moderno

D'Annunzio, Gabriele <1863-1938> - D'Annunzio, Gabriele <1863-1938>

Le dit du sourd et muet qui fut miracule en l'an de grace 1266 : pour lealte maintenir / de Gabriele D'Annunzio qu'on nommoit guerri de dampnes

[Milano] : Istituto Nazionale per la edizione di tutte le opere di Gabriele D'Annunzio, stampa 1936

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 2
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: "Le dit du sourd et muet" (ora tradotto per la prima volta in italiano, ma scritto dall'autore in francese) è l'ultimo romanzo di Gabriele D'Annunzio, e il suo più sentito e potente testamento spirituale, l'ultimo atto, l'estrema testimonianza, dolente e insieme affascinata, di un intellettuale europeo, dall'anima duplice, italo-francese, anzi molteplice, universale, ansiosa di abbracciare ogni esperienza, ogni realtà e ogni sollecitazione, bruciandole e sublimandole nel fuoco vivo dello stile.