Trovati 14554 documenti.

Mostra parametri
Una storia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ligabue, Luciano <1960->

Una storia : autobiografia / Luciano Ligabue

Mondadori, 2022

Abstract: C'è un intero universo, circoscritto e infinito, nella narrazione autobiografica di Luciano Ligabue. Sessant'anni di vita che in virtù di una scrittura in stato di grazia si elevano a vera e propria storia, tutta da leggere, tutta da rivivere. Giuanin e la Rina. I fossi, le cerbottane e le fionde. Gli gnocchi della Barbarina. Il sangue di una suora. Marcello, il suo toscano, l'olio di ricino e l'Ermelina. Tocca tre volte la pelle di biscia. Gianni e i crediti con la fortuna. Il 5 di via Santa Maria. La Millecento. Le brustoline al Politeama. SartiBurgnichFacchettiBedinGuarneriPicchi. Paolo è morto inseguendo una rana. Lavorini, uno di noi. Marco. La carcassa di un suino. Savana, Virus, Novecento e Spiura. Poi Squalo, Linate, Capodistria e Bubba, i Quattro dell'Ave Maria. Il Foxtrot e il Tropical. Radio Fazzano, Radio King e RadioAttiva. Claudio "Maio" Maioli e i sogni di rock'n'roll. La Sonex Custom da cinquecentomila lire. Il fuoco di una zingara. La Dona e Lenny. Pierangelo Bertoli. Gli Eroi di latta e Angelo Carrara. Il giorno più bello o più brutto della tua vita. I ClanDestino e la Banda. I live e quell'enorme stare insieme. La terra che balla. Barbara e Linda. Cianein. C'è un intero universo, circoscritto e infinito, nella narrazione autobiografica di Luciano Ligabue. Sessant'anni di vita che in virtù di una scrittura in stato di grazia si elevano a vera e propria storia, tutta da leggere, tutta da rivivere. Affrontando per iscritto il bilancio della sua esistenza con l'eclettismo artistico che gli è proprio, il Liga esce dai comodi confini del classico resoconto biografico e tratteggia magistralmente situazioni, luoghi e persone donando loro una dimensione romanzesca. Li fa vedere, toccare e conoscere. Anche la sua, alla fin fine, non è altro che "una storia", ma di quelle che ne contengono cento, e altre cento ancora.

Clock DVA
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bertoni, Paolo <1964->

Clock DVA / T.A.G.C. : sogni sepolti / Paolo Bertoni

Tuttle, 2022

Ne ho fatte di tutti i colori
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Toscani, Oliviero <1942->

Ne ho fatte di tutti i colori : vita e fortuna di un situazionista / Oliviero Toscani ; con Tommaso Basilio e Raffo Ferraro

La nave di Teseo +, 2022

Abstract: Un racconto divertente, esplosivo, pieno di sorprese. Fotografo, portatore di un pensiero sovversivo e irriverente, Oliviero Toscani ha rivoluzionato il mondo della moda e della comunicazione in oltre mezzo secolo di carriera. In questo libro si racconta per la prima volta in un’autobiografia deflagrante come le sue idee. Dagli studi d’arte a Zurigo all’avventura da esordiente sfrontato negli Stati Uniti, rincorrendo un servizio per “Harper’s Bazaar”, andando alle feste con Andy Warhol, fotografando Muhammad Ali e imponendo un nuovo modo di raccontare la bellezza. E poi le prime campagne pubblicitarie, in cui rompe ogni regola portando una ventata di aria fresca e sconvolgendo i benpensanti, fino alla comunicazione sociale innovativa con Fabrica e la rivista “Colors”, le provocazioni della politica e lo sguardo ostinatamente rivolto ai giovani e al futuro. "Io non ho nessuna idea ma non ho paura di guardare. Tutto il mio lavoro è stato questo, tutta la mia vita. Finché, guardando il cielo, non noterò due nuvole identiche, io continuerò a osservare, fiducioso che qualcosa mi cadrà in testa e mi colpirà."

Un canto salverà il mondo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lotoro, Francesco <1964->

Un canto salverà il mondo : 1933-1953: la musica sopravvissuta alla deportazione / Francesco Lotoro

Feltrinelli, 2022

Abstract: Da più di trent'anni Francesco Lotoro, pianista e compositore, recupera la musica scritta nei Campi di concentramento e nei luoghi di cattività civile e militare tra il 1933, anno dell'apertura del Lager di Dachau, e il 1953, anno della morte di Stalin e graduale liberazione degli ultimi prigionieri di guerra detenuti nei Gulag sovietici. Questo libro racconta la sua ricerca, che con un instancabile lavoro di recupero, studio, revisione, esecuzione e registrazione ha portato alla costruzione di un archivio di ottomila opere di musica concentrazionaria, diecimila documenti di produzione musicale nei Campi (microfilm, diari, quaderni, registrazioni fonografiche, interviste a sopravvissuti) e tremila pubblicazioni universitarie, saggi di musica concentrazionaria e trattati musicali prodotti nei Campi. È l'impresa epica della costruzione di un archivio straordinario e unico al mondo. Un viaggio nella Musica e nella Storia che svela un modo nuovo di raccontare i capitoli più bui del Novecento: indagando le strategie del genio creativo e dell'emozione attraverso le quali una vicenda umana può entrare in una partitura e da qui oltrepassare le maglie del suo tempo per accedere all'eternità.

Måneskin
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Rossi, Patrizia <giornalista e conduttrice radiofonica>

Måneskin : Italian rock 2.0 : fenomenologia del gruppo che ha conquistato il mondo / Patrizia De Rossi

Diarkos, 2022

Abstract: Un viaggio alla scoperta dei Måneskin, dagli esordi ai successi, guardando ai singoli percorsi umani e artistici di ognuno dei quattro componenti. Quattro ventenni con nome danese, estetiche fluid, un talent in bio e un rock che corre veloce, bruciando e rinnovando: i Måneskin portano in giro per i palchi del mondo un sound che riscuote enormi consensi, conquistando premi e classifiche internazionali. Come sono riusciti a fare tutto questo, di quale tempo sono figli, cosa incarnano e cosa anticipano, cosa inventano e cosa mutuano: proviamo a capirlo. Perché, oggi, rappresentano una brillante proposta e fanno tanto discutere? Il libro propone un viaggio alla loro scoperta, dagli esordi ai successi, guardando ai singoli percorsi umani e artistici di ognuno e dedicando a ciascuno un capitolo: vocalist, chitarrista, bassista e batterista insieme e da soli in quest'avventura, dentro e fuori gli abiti di scena, dalle strade di Roma che li hanno fatti incontrare la prima volta ai palchi più prestigiosi dove stanno costruendo, con grande determinazione, una carriera inaspettata e stupefacente.

A mani nude
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nek <Filippo Neviani>

A mani nude / Nek Filippo Neviani

HarperCollins, 2022

Abstract: A volte, un solo momento può cambiare tutto. Basta una giornata di sole, la campagna che brilla, la voglia di dedicarsi a lavori di bricolage, lavorare al legno, a un vecchio carro che un tempo lontano era stato un calesse. L’incidente è improvviso. Il sangue, poi il dolore, la paura, lo shock. La corsa verso l’ospedale. La mano squarciata. La possibilità di non recuperarne l’uso. Ma che vuol dire perdere la funzionalità di una mano per un musicista? La stessa mano che ha sempre usato per suonare, comporre, creare? In occasione del suo cinquantesimo compleanno, Filippo Neviani, Nek, partendo dall’incidente che lo ha colpito, si lascia andare a riflessioni aperte, sul dolore, la pazienza, il coraggio, l’amore, la fede. In A mani nude si racconta come mai ha fatto, con profondità, senza filtri e senza paura di ammettere debolezze e fragilità. Ricorda i suoi inizi, i primi successi e le prime avversità, ripensando a suo padre che non c’è più ora che è lui, a essere padre. E parla al lettore, con assoluta onestà e aprendo il suo cuore, del rapporto con la fede, delle crisi che colpiscono gli uomini e fanno dubitare delle proprie scelte, del proprio talento. Ma parla anche delle risorse che puoi trovare in te stesso nei momenti di difficoltà e dolore, risorse che di solito non sai nemmeno di avere. E, ovviamente, A mani nude è anche un libro sulla musica. Partendo dai terribili pensieri sul letto dell’ospedale, Nek ritorna con la mente a quello che ha significato la musica nella sua vita e si chiede come sarà la sua vita se non potrà mai più suonare. E, ancora di più, si chiede come sarebbe stata la sua vita senza la musica.

Il canto del fuoco
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Friedman, Matti <1977->

Il canto del fuoco : Leonard Cohen e l'incredibile tour del 1973 nel Sinai / Matti Friedman ; traduzione di Rosanella Volponi

Giuntina, 2022

Abstract: Tutto è iniziato da un diario e da alcune lettere di Leonard Cohen ritrovati in un archivio canadese. Il grande cantautore vi raccontava il periodo passato in Israele durante la Guerra del Kippur, nel 1973. Quell'anno si trovava in Grecia in preda a una crisi interiore e affettiva che stava minando la sua carriera artistica. Improvvisamente, appena scoppiata la guerra, Cohen prese la decisione di salire su un aereo e volare a Tel Aviv. Qui si unì a un gruppo di artisti israeliani in partenza per il Sinai, dove con la loro musica e le loro canzoni speravano di sollevare il morale dei soldati israeliani impegnati nel conflitto. Iniziò così una serie di concerti tenuti nel deserto, in piena zona di guerra, in basi militari minacciate dal fuoco nemico o in accampamenti di fortuna, davanti a ragazzi appena tornati dalla battaglia. Quei giorni di grande concitazione e di profonde riflessioni infusero in Cohen un ritrovato amore per la vita e una nuova vivacità creativa che lo porterà a scrivere alcune delle sue canzoni più famose. Partendo dai documenti recentemente riscoperti e intervistando i testimoni dell'epoca, ex soldati e cantanti, Matti Friedman ricostruisce la genesi e le tappe di questo incredibile tour, offrendoci la possibilità non solo di scoprire una dimensione più intima e complessa di Cohen, ma anche di rivivere la cronaca della guerra del 1973 da un punto di vista totalmente inedito. A corredare il libro una serie di splendide fotografie mai pubblicate.

La Grecia secondo Pasolini
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fusillo, Massimo <1959->

La Grecia secondo Pasolini : mito e cinema / Massimo Fusillo

Nuova ed., 2. ed.

Carocci, 2022

Abstract: Nel multiforme universo creativo di Pier Paolo Pasolini la Grecia è una presenza ossessiva, fin dalle prime traduzioni giovanili. Il mito antico era infatti una potente metafora di quella civiltà contadina magica e sacrale che è stata da sempre il suo vero oggetto d'amore. Apparso nel 1996 e ora riproposto in una nuova versione aggiornata, questo saggio affronta le tre grandi tragedie greche che hanno affascinato Pasolini, dando vita a diverse opere teatrali e cinematografiche: l'Orestea, rivissuta come utopia politica di una sintesi fra cultura arcaica e cultura moderna; l'Edipo re, reinterpretato alla luce della psicoanalisi e del proprio vissuto, e infine Medea, riletta in chiave antropologica, come punto di arrivo di una sfiducia crescente nei poteri del logos occidentale.

Il figlio di Capitan Tuono
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bosè, Miguel <1956->

Il figlio di Capitan Tuono : memorie di una vita straordinaria / Miguel Bosé

Rizzoli, 2022

Abstract: Pochi personaggi nel mondo della musica e dello spettacolo sono iconici come Miguel Bosé, in grado davvero di segnare un'epoca, o meglio di attraversare i decenni con uno stile unico: volando, cadendo e rinascendo ogni volta in una diversa incarnazione. Polverizzando sempre i pregiudizi. In "Il figlio di Capitan Tuono" Bosé si mette per la prima volta a nudo senza reticenze e ci racconta la storia della sua infanzia e della sua adolescenza, una storia che inizia con il respiro di racconti senza tempo, con lui e le sue sorelle in balia di un padre onnipotente - il celebre torero Luis Miguel Dominguín, abituato al fatto che la sua volontà fosse legge - e di una madre travolgente di leggendaria bellezza - la splendida Lucia Bosé. Generoso e audace come non lo abbiamo mai visto, Bosé ci offre il volto meno noto di personaggi memorabili, da un Picasso vulnerabile e crepuscolare al bellissimo e maledetto Helmut Berger, senza dimenticare il suo padrino Luchino Visconti, Romy Schneider, Amanda Lear e altre figure tra le più significative dell'arte e della cultura del secolo scorso. E, destinata a rimanere con noi anche dopo la fine del libro, la Tata, autentico spirito benefico, che ci ricorda donne coraggiose disposte a tutto pur di proteggere creature indifese. Una storia che si svolge in un passato rarefatto, che attinge ai ricordi della nostra infanzia e della nostra giovinezza e che dimostra ancora una volta che nella contraddizione, nel dolore e nella gioia di vivere, Miguel Bosé ci capisce, ci accompagna e ci rappresenta.

MC5
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Calabrò, Roberto <1971->

MC5 : future now / Roberto Calabrò

Tuttle, 2022

Abstract: "MC5. Future / Now" ripercorre per intero la storia della leggendaria formazione americana e quella dei gruppi di culto nati all’indomani dell’implosione del quintetto (Sonic’s Rendezvous Band, New Order, Destroy All Monsters), così come la lunga e fortunata carriera del chitarrista e attivista Wayne Kramer.

Måneskin
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cortassa, Guia <1982->

Måneskin : monography : il rock siamo noi / testi di Guia Cortassa ; illustrazioni di Sara Rotlich ; a cura di Balthazar Pagani

Centauria, 2022

Abstract: Massimalisti, eccessivi e sfrontati, i Maneskin sono il ritratto di una generazione cosmopolita e gender fluid, pronta a prendersi il proprio spazio senza bisogno di scendere a compromessi. Dal busking per le strade del centro di Roma all'apertura del concerto dei Rolling Stone all'Allegiant Stadium di Las Vegas, quella dei Maneskin è una storia di determinazione e successo. Raccontata da Guia Cortassa che per la redazione di Rolling Stone ha seguito in prima persona i Maneskin durante X Factor, questo fan book racconta la storia della band oggi in vetta alle classifiche di tutto il mondo.

Un uomo solo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Iovane, Antonio <1974->

Un uomo solo / Antonio Iovane

Mondadori, 2022

Abstract: Sanremo, 26 gennaio 1967. La Riviera è pronta a ospitare il Festival della Canzone Italiana: i giornalisti già parlano di un'edizione rivoluzionaria, perché sul palco si sfideranno la vecchia guardia guidata da Claudio Villa e Domenico Modugno e le voci nuove, come I Giganti, Little Tony, Lucio Dalla. E Luigi Tenco. Tenco è più conosciuto come autore che come interprete ed è lì perché vuole che il grande pubblico impari ad apprezzarlo: ha deciso che d'ora in poi nelle sue canzoni parlerà di problemi sociali, di disoccupazione, di legge sul divorzio, di mafia, e vuole che tutti lo ascoltino, anche il pubblico delle canzonette, perché "le idee non valgono da sole, valgono solo se qualcuno le recepisce". Insieme a Dalida, la diva francese con cui ha avuto un'intensa ma breve relazione, canterà Ciao amore, ciao che racconta la grande emigrazione dalla campagna verso la città, una canzone orecchiabile ma impegnata. Mentre si avvicina il momento dell'esibizione, però, Tenco capisce che sta tradendo se stesso, che lui non ha nulla a che fare con quel mondo. È nervoso, beve, le ultime prove sono un disastro, e quando sale sul palco appare già rassegnato; l'esibizione è pessima, le giurie bocciano la canzone, che non viene nemmeno ripescata. La delusione lo rende furioso, non segue Dalida e gli amici della casa discografica al ristorante, torna in albergo. Alle 2,10 viene ritrovato morto, disteso sul pavimento della sua camera. Attraverso testimonianze e una meticolosa ricerca d'archivio, Antonio Iovane ricostruisce in un lunghissimo piano sequenza l'ultimo giorno di vita di Luigi Tenco ma anche le ore successive, quelle in cui si accavallano dichiarazioni terribili da parte di colleghi cantautori e giornalisti, quelle del più tragico e indegno "show must go on" che l'Italia abbia mai conosciuto. Un uomo solo non cerca di far luce sul presunto suicidio di Luigi Tenco, ma racconta con la forza immersiva del romanzo il tormento, le contraddizioni e i sogni di un artista fuori dal tempo.

David Hockney
0 0 0
Materiale linguistico moderno

David Hockney : l'arrivo della primavera, Normandia, 2020 / tradotto dall'inglese da Silvia Bre

L'ippocampo, 2021

Abstract: La vasta produzione di David Hockney, iniziata oltre sessant'anni fa, è marcata dalla sua insaziabile curiosità nei confronti delle tecniche e dei processi artistici innovativi. Pioniere nell'utilizzo dell'iPad, in questa mostra l'artista esibisce un ineguagliabile virtuosismo nella pittura su tablet. Dai ramoscelli spogli in pieno inverno ai rami carichi di fiori impalpabili, nei quattro acri del suo giardino in Normandia Hockney è riuscito a catturare il miracolo della rinascita primaverile. La coincidenza con la prima ondata della pandemia di Covid nel 2020 conferisce un significato speciale a queste immagini, luminose e dense di colori. Un'introduzione del celebre romanziere William Boyd e una conversazione tra l'artista e Edith Devaney completano questo pregiato volume, indispensabile per gli appassionati dell'arte così personale di David Hockney. « Con L'arrivo della primavera, Normandia assistiamo all'apoteosi di un periodo della pittura definibile come pittura su schermo. La padronanza da parte di Hockney del potenziale tecnico a sua disposizione è definitivamente acquisita e ormai assoluta. » William Boyd.

Fantozzi dietro le quinte
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Villaggio, Elisabetta <1959->

Fantozzi dietro le quinte : oltre la maschera, la vita (vera) di Paolo Villaggio / Elisabetta Villaggio ; prefazione di Laura Delli Colli

Baldini+Castoldi, 2021

Abstract: Un memoir privato e insieme un racconto corale, un’incursione autentica nella vita di Paolo Villaggio e poi un’altra, inedita e fitta di testimonianze di prima mano, nel dietro le quinte del suo personaggio più memorabile: Ugo Fantozzi. Lui, il ragioniere più cinico e amato d’Italia, che nasce sulle pagine dell’«Europeo» prima di dare vita ai proverbiali libri e film; lui, capace di unire un ritratto sottile e scanzonato del ceto impiegatizio alla denuncia sociale contro «consumismo, cattivi e megapresidenti»; lui, creato e abitato da un comico ineguagliabile, di cui la figlia Elisabetta restituisce il ricordo con sguardo tenero e discreto. Dall’infanzia a Genova alle sere d’estate a Boccadasse, dall’amore vero incontrato a vent’anni al suo debole per Buñuel, senza dimenticare la gavetta romana – iniziata in uno scantinato umido a Trastevere e culminata con Federico Fellini – e l’amicizia con Fabrizio De André. E poi l’ansia congenita, il cibo come atto di sfogo, il ritiro, la malattia. Questa è la storia di «uno che la felicità l’ha quasi perseguitata» e che, quando se n’è andato, l’ha fatto tra gli applausi. Tra novantadue minuti di applausi, s’intende.

Il mistero del cinema
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bertolucci, Bernardo <1941-2018>

Il mistero del cinema / Bernardo Bertolucci ; a cura di Michele Guerra ; prefazione di Clare Peploe

La Nave di Teseo, 2021

Abstract: In questo testo inedito, scritto in occasione della laurea honoris causa ricevuta dall’Università di Parma nel 2014, Bernardo Bertolucci ricostruisce la sua autobiografia artistica, tra cinema e memorie private. Pagine di sfolgorante e semplice grazia, ritrovate dalla moglie Clare Peploe e da Michele Guerra, in cui il regista premio Oscar, autore di capolavori acclamati in tutto il mondo, fa luce su se stesso, sulla propria personalità, sulla propria arte. A partire dall’infanzia in un’Emilia di provincia che non sarà mai dimenticata, educato alla bellezza e alla poesia dal padre poeta Attilio. Poi l’incontro da predestinato con la macchina da presa: i primi esperimenti da ragazzo, la vicinanza con Pasolini e Moravia, la scoperta di Godard e della Nouvelle Vague francese. E ancora i ricordi intimi di famiglia, nelle valli sperdute di Casarola, i luoghi vicini da cui partire per esplorazioni esotiche, la fatica di emergere convincendo i produttori, l’orgoglio di essere invitato e premiato dai festival più importanti: al centro, come uno specchio attraverso cui guardare il mondo, la seduzione e il mistero del suo cinema.

Ricordi di Parigi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Montagut, Marin <illustratore e interior designer>

Ricordi di Parigi : botteghe e atelier di una volta / Marin Montagut ; fotografie di Ludovic Balay, Pierre Musellec e Romain Ricard ; illustrazioni di Marin Montagut

L'ippocampo, 2021

Abstract: L’artista e designer Marin Montagut accompagna il lettore a visitare la quintessenza di Parigi, i venti luoghi da lui preferiti che traboccano di idee e poesia. Il lettore scoprirà atelier e botteghe sparsi qua e là nella capitale, i cui artigiani producono oggetti e arredi di squisita fattura grazie a un savoir faire che affonda le sue radici lontano nel tempo. Questi scrigni, talvolta nascosti, offrono una preziosa fonte di ispirazione per designer, artisti e creatori di ogni genere. Degas disegnava le sue graziose ballerine usando i pigmenti fabbricati dalla Maison du Pastel secondo una formula tenuta segreta che risale al lontano 1720. Fin dal 1832 generazioni di stilisti continuano a scegliere tra le migliaia di passamanerie per cappelli, bottoni, nastri e tessuti proposti da Ultramod, mentre prestigiosi clienti quali il Metropolitan Museum ordinano nappine personalizzate alla Passementerie Verrier, aperta già nel 1753. Venti luoghi pittoreschi e senza tempo ci fanno assaporare in questo libro la feconda tradizione artigianale della Ville Lumière.

Cento miracoli
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Růžičková, Zuzana <1927?-2017>

Cento miracoli : la musica e Auschwitz : l'amore e la sopravvivenza / Zuzana Růžičková ; con Wendy Holden ; traduzione di Monica Corbetta

Guanda, 2021

Abstract: Ha quindici anni Zuzana Růžičková, ebrea cecoslovacca, quando viene deportata nel ghetto di Terezín con la famiglia. La ra­gazza, che ha trascorso un’infanzia felice ­nonostante la salute cagionevole, amatissima dai genitori e con una grande passione per la musica, non ha idea dell’orrore che sta per affrontare. Ma la sua forza interiore, l’intenso legame con la madre e la musica di Johann Sebastian Bach le permetteranno di sopravvivere a Terezín, ad Auschwitz, ai campi di lavoro e a Bergen-Belsen. Non solo, riuscirà anche a partecipare a quel poco di umano che era tollerato, come la coraggiosa scuola organizzata da Fredy Hirsch per i bambini internati. Zuzana alterna il racconto dell’esperienza nei campi a quello degli anni successivi in cui, grazie all’affetto della madre e del marito, il compositore Viktor Kalabis, riesce a intraprendere con successo la carriera di clavicembalista, malgrado le mani rovinate dalla fatica e dagli stenti. Il suo amore per Bach la porterà a diventare una musicista di fama mondiale. Neppure quelli però sono anni facili: il regime comunista impone alla coppia una serie di limiti, ostacolandone la carriera e la vita. In sottofondo scorre infatti la storia della Cecoslovacchia, poi Repubblica Ceca, dalla Primavera di Praga alle repressioni, alla perestrojka, al ritorno della democrazia. Vibra in queste pagine l’appassionato racconto di una donna che ha vissuto l’orrore, ma che ha conservato sempre dentro di sé il senso del miracolo e la speranza di riportare un po’ di bellezza nel mondo attraverso la musica.

Non avevo gli occhi azzurri
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Marlon, Catrinel <1985->

Non avevo gli occhi azzurri / Catrinel Marlon

Newton Compton, 2021

Abstract: Dalla povertà della dittatura ai successi sportivi, dalle passerelle internazionali al cinema d'autore. Catrinel Marlon, prima di essere scoperta per puro caso a sedici anni da uno scout di modelle, è cresciuta a Ia?i, città rumena al confine con la Moldavia. Nata a metà degli anni '80, e ancora bambina nel periodo immediatamente successivo alla morte di Ceau?escu, Catrinel trascorre l'infanzia e l'adolescenza in un ambiente semirurale, in una città di provincia, con la mamma, il papà e la sorella di qualche anno più piccola. I genitori, entrambi ex campioni di atletica, non se la passano bene e le conseguenze di un Paese in crisi economica e politica si riflettono anche sulle vicende familiari. I soldi scarseggiano, tanto che a volte non bastano neppure per mangiare. Catrinel, tuttavia, è una ragazzina sveglia e impara ben presto a cavarsela con quel poco che ha a disposizione. Lo sport è la sua grande passione, si allena giorno e notte, ma il destino ha in mente per lei altre luci e riflettori...

L'alba dentro l'imbrunire
0 0 0
Materiale linguistico moderno

L'alba dentro l'imbrunire : una storia illustrata di Franco Battiato / a cura di Francesco Messina e Stefano Senardi ; con la collaborazione di Alice ; testi di Francesco Messina ; contributi di Alice ... [et al.] ; fotografie di Isabella Balena ... [et al.]

Rizzoli Lizard, 2021

Abstract: Franco Battiato raccontato attraverso le parole e le fotografie di chi ha lavorato e vissuto al suo fianco. Un volume per conoscere meglio non solo la sua musica, dalla sala di registrazione ai concerti, ma anche le sue letture, il cinema, la pittura, i viaggi e soprattutto ciò che lui stesso – in un suo celebre brano – ha definito “un’altra vita”: la sua ricerca spirituale, un cammino che per tutta la sua esistenza ha seguito e praticato.

Ologramma
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ologramma : le parole della musica / Roberta Frison ... [et al.]

Erickson, 2021

Abstract: Ologramma, così com'è oggi strutturato, si riconosce come un luogo in cui le persone coinvolte si incontrano e si intrattengono per sviluppare competenze in attività di tipo creativo, culturale, di informazione e di formazione finalizzate alla promozione dell'agio e alla prevenzione del disagio. Luoghi in cui si lavora mirando all'empowerment delle competenze giovanili utilizzando le metodologie della programmazione dal basso, della progettazione partecipata e dell'educazione fra pari. Nella prima parte del libro vengono illustrate le basi scientifiche sulle quali il progetto si è sviluppato. I concetti teorici della musicoterapia e dell'inclusione sono presentati in modo rigoroso e accompagnati da un continuo riferimento alla loro declinazione concreta nell'esperienza di Ologramma. Si passa poi a descrivere l'«oggi» di Ologramma, per coinvolgere maggiormente il lettore nella comprensione delle tappe percorse a partire dal 2010, quando il gruppo nasce per iniziativa del Centro Europeo di Musicoterapia (CEMU). La parte finale racconta le numerose partecipazioni a due eventi che ogni anno si svolgono a Modena: il Festival della Filosofia e le celebrazioni della Giornata Internazionale della Memoria.