Community » Forum » Recensioni

La cacciatrice di ossa
2 1 0
Reichs, Kathy <1948->

La cacciatrice di ossa

[Milano] : Rizzoli, 2011

Abstract: Gambe flesse, cosce strette al petto, capo chino. Un braccio piegato all'indietro, l'altro teso verso l'alto con le dita irrigidite alla ricerca di un'impossibile via di fuga. Il cadavere ritrovato nella discarica di Morehead Road dentro un fusto riempito di cemento non ha ancora un nome. Ma ha già un codice: MCME 227-11. Il codice del nuovo caso affidato a Temperance Brennan, l'antropologa forense più brillante degli Stati Uniti. Tempe inizia subito a indagare, nonostante l'FBI sembri decisa a metterle i bastoni fra le ruote. A suggerire quella che potrebbe essere la pista giusta è un meccanico di scuderia per i bolidi delle gare NASCAR, Wayne Gamble. Wayne lavora all'autodromo non lontano da Morehead Road ed è convinto che quel macabro ritrovamento abbia qualcosa a che fare con la scomparsa di sua sorella, dodici anni prima, insieme all'aspirante pilota Cale Lovette. La loro era parsa solo una fuga d'amore, eppure, stranamente, anche in quell'occasione era intervenuta l'FBI. Perché adesso, a tanti anni di distanza, il Federai Bureau non vuole che Temperance si interessi a questo vecchio caso rimasto irrisolto? Cocciuta, acuta e ironica come sempre, Tempe torna a cimentarsi con la morte e con le storie sempre diverse che il corpo di ogni vittima racconta. Ma questa volta la verità ha i toni ingannevoli e ambigui del grigio: grigio come il cielo sopra il Charlotte Motor Speedway e come l'asfalto della sua pista ad alta velocità.

Moderators: Valentina Tosi

2178 Visite, 1 Messaggi

Si tratta del tipico romanzo thriller d'indagine. Piuttosto lungo, anche se fino alla fine non si svela il colpevole della serie di omicidi.
Non potendo evidentemente allontanarsi col pensiero, dalla protagonista della serie televisiva: Bones, confesso che ho di gran lunga preferito il personaggio più stereotipato della serie tv, e apprezzato meno quello creato dall'autrice che risulta sì più reale, ma davvero banale.
C'è poca indagine vera e propria di laboratorio, aspetto invece che avrei voluto cogliere anche dalle pagine del libro.
Diciamo che non la considero una lettura imperdibile.

  • «
  • 1
  • »

965 Messaggi in 931 Discussioni di 127 utenti

Attualmente online: Ci sono 1 utenti online