Community » Forum » Recensioni

La casa di Giulio Romano
5 1 0
Ferri, Edgarda <1934->

La casa di Giulio Romano

Tre lune, 2019

Moderators: Valentina Tosi

63 Visite, 1 Messaggi

Edgarda Ferri ha la straordinaria abilità di far rivivere i personaggi di cui scrive la biografia; che si tratti di Letizia Bonaparte, la madre di Napoleone, o di Baldassarre Castiglione, il fine diplomatico dei Gonzaga, emergono prepotenti dalle righe, si delineano davanti ai nostri occhi, tanto da apparire presenti, quasi figure che prendono corpo poco a poco accanto a noi. E’ anche questo il caso di Giulio Pippi, detto Romano, il più capace allievo di Raffaello Sanzio, che da Roma, aderendo all’invito di Federico Gonzaga, si recò a Mantova, città che lui abbellirà e che divenne la sua nuova patria, coniugandosi con una mantovana e lì dimorando in una casa, tuttora esistente e di proprietà privata, costatagli mille scudi d’oro, come nelle prime pagine dice a Giorgio Vasari giunto nella città lombarda per prendere appunti per il suo libro “Le vite dei più eccellenti architetti, pittori et scultori italiani” e fra questi artisti non poteva mancare il più grande, proprio lui Giulio Romano.
Per un genio come il prediletto fra gli allievi di Raffaello il periodo mantovano fu il più fecondo della sua esistenza, con la possibilità di concretizzare il suo grande genio creativo, in un flusso continuo di idee che derivava anche dalla comunione con il carattere del Signore di Mantova, tutto teso alla ricerca del bello. Ed è così che nacque dalle vecchie scuderie il palazzo di rappresentanza, ma anche luogo d’amore con l’amante Isabella Boschetti; il Te, così verrà chiamato prendendo il nome dall’isola, poi resa unica con la terraferma, su cui fu eretto, da un lato è l’emblema di una signoria che vuole distinguersi non tanto per la potenza quanto invece per l’amore per le arti, dall’altro è un laboratorio in cui Giulio Romano dà sfogo alla sua creatività, realizzando, con l’aiuto dei pittori della sua scuola, affreschi di una bellezza incredibile, quali la celeberrima sala dei Giganti. Indubbiamente Federico II molto aveva preso dalla madre Isabella d’Este in ordine alla passione per le arti, con la differenza che aveva un carattere più impetuoso che riflessivo, e così s’imbarcava in imprese piuttosto onerose, tanto che per le tasse i mantovani si immiserirono; in particolare una grande uscita di denaro ci fu per i festeggiamenti per la venuta dell’imperatore Carlo V, festeggiamenti organizzati e realizzati ovviamente da Giulio Romano, che alla morte del suo amato duca, avvenuta nel 1540 per colpa del “mal francese”, ebbe l’intenzione di tornarsene a Roma, ma trovò la ferma opposizione del reggente, il cardinale Ercole Gonzaga, che continuò a commissionargli lavori senza discutere sul prezzo, analogamente a quanto aveva fatto il fratello Federico II.
Impreziosito da numerose fotografie delle opere realizzate dall’architetto e pittore romano, il libro, anche per il numero ridotto di pagine, si legge velocemente e con grande piacere, consentendo un’escursione in un mondo lontano i cui monumenti testimoniano la grandezza di una casata ormai estinta.

  • «
  • 1
  • »

935 Messaggi in 902 Discussioni di 126 utenti

Attualmente online: Ci sono 6 utenti online